Scoprite i 5 pilastri dell'Intelligenza emotiva, secondo Daniel Goleman

John Brown 22-10-2023
John Brown

Secondo la psicologia, la capacità di identificare e gestire le nostre emozioni e i nostri sentimenti, in modo da rendere più armoniosa la convivenza con le altre persone, si chiama Intelligenza emotiva. Ma conoscete i pilastri dell'Intelligenza emotiva?

Se la risposta è no, vi invitiamo a continuare a leggere questo articolo che vi illustrerà i cinque pilastri che la caratterizzano, secondo il noto giornalista e psicologo Daniel Goleman, autore del best-seller Intelligenza emotiva, uscito nel 1995.

I pilastri dell'intelligenza emotiva

1) Conoscere le proprie emozioni

Questo è uno dei pilastri dell'Intelligenza emotiva, considerato la base degli altri. Il segreto è conoscere profondamente se stessi, cioè analizzare le proprie emozioni e i propri atteggiamenti nei confronti dei più svariati stimoli esterni.

Quando si conoscono le proprie emozioni, è possibile prevedere il proprio comportamento in una determinata situazione. Secondo Goleman, è necessario investire nella conoscenza di sé, perché solo così si arriva a conoscersi profondamente.

Solo conoscendo le nostre emozioni possiamo gestirle più facilmente, ma questo processo è graduale e varia da persona a persona. Un semplice consiglio è quello di annotare tutti i sentimenti che avete notato durante la giornata e come li avete affrontati.

2) Controllare le emozioni

Una volta che si conoscono bene le proprie emozioni, è il momento di controllarle bene. Secondo Goleman, la consapevolezza delle emozioni è un fattore importante nello sviluppo dell'intelligenza di una persona.

Saper controllare le emozioni ci permette di vivere più serenamente con gli altri, evitando litigi e disaccordi. All'inizio può non essere facile, soprattutto di fronte a situazioni sfavorevoli o stressanti.

Ma è attraverso il controllo emotivo che possiamo migliorare la comunicazione, in modo che il nostro messaggio non risulti distorto per gli altri. Vale la pena ricordare che ciò che gli altri "vedono" non sempre corrisponde ai vostri pensieri.

3) Auto-motivazione

Un altro dei pilastri dell'Intelligenza emotiva, secondo Goleman, l'automotivazione consiste nell'imparare a gestire le nostre emozioni e, soprattutto, a razionalizzarle prima di prendere qualsiasi decisione. E questa gestione permette di ridurre i conflitti personali e interni, lo sapevate?

Per questo motivo, l'automotivazione è una base importante in tutto questo processo: credere che sia possibile cambiare in meglio e non accontentarsi del "Ah, sono proprio così". L'individuo deve essere consapevole di investire in un cambiamento che può portare benefici in tutti gli ambiti della sua vita.

L'automotivazione è un esercizio quotidiano. Quando vi rendete conto che è necessario cambiare questo o quel comportamento, pensate ai vantaggi che questo cambiamento può apportare alla vostra vita. Questo è un modo per automotivarsi.

Guarda anche: 7 modi per usare l'aceto per il bucato

4) I pilastri dell'intelligenza emotiva: l'empatia

Sapersi mettere nei panni di un'altra persona in una situazione sfavorevole, cercando di capire le sue emozioni e i suoi sentimenti, senza alcun tipo di giudizio. Questa è la definizione di empatia, una qualità considerata molto importante nella nostra vita personale e professionale.

Guarda anche: Città fantasma in Brasile: 5 comuni abbandonati

Ma l'empatia va ben oltre la semplice convalida e il rispetto dei sentimenti altrui. In effetti, l'empatia è una questione di scelta: molte persone non vogliono inserirsi (emotivamente) nella situazione che qualcun altro sta vivendo.

Il punto è che non è sempre facile capire perché l'altra persona abbia agito in questo o quel modo in una situazione. Più un individuo è empatico, maggiore può essere la sua Intelligenza emotiva. L'empatia ci rende più abili nella convivenza quotidiana con le altre persone, che è essenziale per la vita in società.

5) Saper relazionarsi a livello interpersonale

L'ultimo dei pilastri dell'Intelligenza emotiva. Dovete tenere presente che avremo sempre bisogno gli uni degli altri, poiché siamo tutti parte di un organismo sociale più ampio. Per una coesistenza pacifica nella società, sono necessari un buon equilibrio emotivo e l'empatia.

Le relazioni interpersonali possono essere intese come un aumento delle possibilità nella vita, in tutti i sensi. Più una persona ha empatia, maggiori sono le possibilità di costruire relazioni sane e positive, sia in ambito professionale che personale.

È quindi fondamentale sapersi relazionare interpersonalmente, cioè essere in grado di instaurare una piacevole convivenza con tutti coloro che ci circondano, sempre basata sul rispetto. La creazione di un ambiente con un alto livello di positività, sia a casa che al lavoro, dipende esclusivamente da un buon rapporto interpersonale.

Ora che conoscete i cinque pilastri dell'Intelligenza emotiva, è il momento di metterli in pratica per aumentare le possibilità di avere più successo nella vostra vita professionale e personale. Credetemi, il cambiamento dipende solo da voi.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.