Comprendere l'origine del senso "orario" degli orologi.

John Brown 14-10-2023
John Brown

L'orologio è un oggetto che guardiamo tutti i giorni, ma sicuramente pochi si fermano a pensare perché gli aghi girano in senso orario e non al contrario. Innanzitutto bisogna sapere che gli orologi di oggi si basano sulle antiche meridiane, che misuravano il passare del tempo in base al movimento del sole.

Il movimento era da sinistra a destra o, in altre parole, da nord a est, poi a sud, poi a ovest e così via, mentre il sole si muoveva.

In seguito, quando cominciarono a comparire orologi con meccanismi interni, anche le loro lancette si muovevano da sinistra a destra, perché la gente era già abituata a leggere l'ora in questo modo. Quindi il senso orario non è stato inventato dalla scienza o per qualche motivo specifico, cioè è una convenzione.

Come funzionava la meridiana?

Come quasi tutti gli oggetti di oggi, l'orologio meccanico è il risultato dell'evoluzione di una serie di antichi manufatti che hanno come punto di partenza la meridiana.

Migliaia di anni fa, il primo modo registrato di misurare il tempo era la meridiana: un prototipo costruito con una tavola e un bastone detto "gnomone", che segnava il tempo con l'aiuto della stella reale.

Quindi, una volta impostato correttamente l'orologio, in base alla posizione, al periodo dell'anno e all'orientamento, l'ombra che il sole proiettava quando colpiva lo "gnomo" si riferiva all'ora del giorno. E, come previsto, questa proiezione dell'ombra ruotava verso est o verso ovest, a seconda che il calcolo fosse effettuato dall'emisfero meridionale o da quello settentrionale.

Perché gli aghi dell'orologio si muovono in senso orario?

Ora, non c'è dubbio che lo "gnomo" sia l'antenato dell'orologio meccanico. Ma in che modo questa parte della storia influisce sulla direzione degli aghi? Come abbiamo detto, a seconda del luogo del mondo in cui lo "gnomo" veniva utilizzato, l'ombra si spostava verso est o verso ovest. Quindi, poiché l'orologio attuale è stato creato in Europa, i suoi predecessori hanno mantenuto lo stesso movimento.

Guarda anche: Come faccio a sapere se la persona mi sta ingannando? Vedi 7 segni

Poi, dato che l'ombra si muoveva verso destra, quando hanno fornito numeri e aghi all'orologio meccanico, hanno deciso che anch'esso doveva muoversi nella stessa direzione.

Guarda anche: Eniac: scoprite 10 fatti sul primo computer al mondo

Pertanto, è probabile che se questo oggetto fosse stato proiettato in un qualsiasi punto dell'emisfero meridionale, il movimento e il posizionamento delle figure si sarebbero spostati verso sinistra.

Quali altri orologi venivano utilizzati nell'antichità?

Infine, è interessante ricordare che, prima del XIV secolo, esistevano altri tipi di oggetti per misurare il tempo, ma non sono durati fino ad oggi, come ad esempio:

  • Orologio ad acqua: ha almeno 3.400 anni e ha smesso di essere usato solo nel XVII secolo perché era un dispositivo molto preciso che funzionava riempiendo o svuotando un contenitore.
  • Orologio a candela: anche se non esiste una data precisa, la misurazione del tempo con un orologio a candela è una tradizione molto antica. Con questo elemento, il passare delle ore veniva calcolato man mano che la candela si scioglieva.
  • Clessidra: creata nell'VIII secolo, misura il tempo attraverso il flusso di sabbia da un bulbo di vetro all'altro.
  • Orologio a fuoco: si tratta di un'invenzione cinese che prevedeva l'accensione e il consumo di una spirale. La buona notizia è che questo processo poteva durare mesi ed era quindi un'alternativa di misurazione molto efficiente.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.