Come viene prodotta la gomma da masticare e cosa contiene, scopritelo qui.

John Brown 19-10-2023
John Brown

Le gomme da masticare, note anche come "orsetti gommosi", sono uno dei dolci preferiti da molte persone, ma vi siete mai chiesti di cosa sono fatte, quali ingredienti le compongono e cosa le rende irresistibili per le papille gustative di adulti e bambini?

Per cominciare, bisogna sapere che questo dolce esiste da almeno 6.000 anni, ma non come è conosciuto oggi: la preparazione di questo dolce in tutto il mondo è cambiata e si è evoluta molto, ma ha mantenuto al palato la sua consistenza morbida ed elastica, accompagnata da un sapore ricco e dal profumo aggiunto dalle aziende che li producono.

Origine della gomma da masticare

In breve, l'abitudine di masticare è comune a diverse culture da molto tempo: la prima gomma da masticare è stata infatti trovata in Finlandia ed era fatta con corteccia di betulla e catrame.

Si è scoperto che i primi masticatori non desideravano necessariamente i benefici nutrizionali della gomma, ma cercavano occasionalmente il sapore e uno strumento per pulire i denti.

D'altra parte, i Maya e gli Aztechi furono i primi a sfruttare le proprietà delle resine come base per la produzione di una sostanza simile alla gomma.

Guarda anche: Sfida logica: quale valore rappresenta la zebra nell'immagine?

A loro volta, gli antichi greci masticavano la gomma mastice, ricavata dalla resina dell'albero del mastice, che aveva proprietà antisettiche e si credeva servisse a mantenere la salute orale.

Successivamente, intorno al 1850 fu sviluppata una gomma a base di paraffina, un sottoprodotto del petrolio, mentre la prima gomma da masticare aromatizzata fu creata negli anni '60 del XIX secolo da John Colgan, un farmacista dello stato del Kentucky, negli Stati Uniti.

Tuttavia, la gomma da masticare moderna, così come è conosciuta oggi, è stata sviluppata per la prima volta negli anni '60 del XIX secolo. Il merito va all'inventore Thomas Adams che cercò di creare una formula per utilizzare la gomma per produrre pneumatici, ma quando non funzionò la trasformò in una gomma da masticare che viene prodotta ancora oggi.

Come viene prodotta la gomma da masticare?

Oggi le gomme da masticare sono composte da plastica (la base della gomma), resine naturali e sintetiche, zucchero, ammorbidenti, coloranti e aromi naturali e artificiali.

Inoltre, può contenere carbonato di calcio o silicato di magnesio, ammorbidenti (composti come l'olio vegetale), emulsionanti ed elastomeri. È un prodotto non ingeribile né solubile in acqua.

In pratica, quando la resina è pronta, viene fatta bollire in una pentola per eliminare l'umidità, mescolata costantemente fino a ottenere una consistenza gommosa e poi messa in formati pronti per essere confezionati per la vendita.

Guarda anche: 9 professioni che richiedono la conoscenza di Excel

La gomma da masticare viene prodotta aggiungendo additivi all'essenza, ai colori e agli aromi per migliorarne il gusto e la consistenza; ogni azienda utilizza ingredienti diversi che le conferiscono il suo tocco personale. Oggi, questa delizia si trova in diversi tipi di formati, con gusti variegati e per vari scopi, come quello medicinale e dentale.

Una curiosità: il Brasile è il 3° produttore mondiale di gomme da masticare, con oltre 50.000 tonnellate all'anno. Il nostro Paese è secondo solo a Stati Uniti e Cina.

Le gomme da masticare sono salutari?

È salutare se si tratta di gomme senza zucchero. Uno dei principali benefici di questa abitudine è l'aumento della produzione di saliva, che è nota per essere un grande alleato dei nostri denti, perché oltre a pulire la bocca, riduce il livello di acidità.

Un altro fattore importante contro i batteri che causano la carie è che le gomme senza zucchero hanno un componente chiamato xilitolo, un dolcificante naturale che viene aggiunto a un'ampia gamma di prodotti per proteggere i denti dalla carie e come sostituto dello zucchero.

Un altro fattore chiave nella produzione di saliva è che favorisce la digestione. Le gomme da masticare senza zucchero contengono un'alta percentuale di fenilalanina, una sostanza con proprietà lassative che stimola i movimenti intestinali.

Tuttavia, la gomma da masticare può essere dannosa se si portano apparecchi ortodontici o faccette estetiche, in quanto la gomma può attaccarsi e aderire a questi ultimi, favorendone il distacco. In caso di dubbi sul consumo di questo prodotto, rivolgersi a un nutrizionista.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.