'I miei occhiali' o 'i miei occhiali': quale espressione usare?

John Brown 19-10-2023
John Brown

Vi siete mai chiesti cosa dovreste dire ogni volta che dovete riferirvi a un paio di occhiali? Il dubbio può sembrare improbabile, ma molti portoghesi continuano a usare l'espressione in modo scorretto. Dopotutto, la forma inappropriata si è perpetuata a causa di vizi linguistici, rendendo la domanda ancora più pertinente. Ma quale sarebbe la versione giusta? I miei occhiali o quello giusto?i miei occhiali?

Guarda anche: Il tuo Caixa Tem non funziona? Vedi altri modi per ritirare l'Aiuto al Brasile

"Guardare" è un verbo che deriva dalla parola latina "adoculare", formata dalla preposizione "ad", che significa "vicino a", e da "oculare", che significa "illuminare", "dare la vista". A sua volta, la forma è direttamente correlata a "oculus", o "occhio". Quando si cerca il termine in qualsiasi dizionario, si trova un riferimento al telescopio.

Ma che dire dell'espressione "gli occhiali" o "gli occhiali"? Per svelare il mistero una volta per tutte, date un'occhiata alla versione corretta dell'incrocio qui sotto.

"I miei occhiali" o "i miei occhiali"? Scoprite quale espressione usare

La forma corretta dell'espressione è "i miei occhiali", al plurale. Tuttavia, "i miei occhiali" è ancora usato frequentemente da molti parlanti, ma è scorretto a causa dell'errore di concordanza numerica.

Poiché "occhiali" è una parola plurale, anche tutti gli articoli, i pronomi e gli aggettivi che la accompagnano devono essere plurali. Guardate alcuni esempi:

  • Ho perso gli occhiali da sole giocando sulla sabbia con mia nipote.
  • Con questi occhiali siete ancora più belli.
  • Joana ha cambiato la montatura degli occhiali, ma la forma non si adattava al suo viso.

In base alle regole del portoghese, l'accordo nominale nel genere (maschile o femminile) e nel numero (plurale e singolare) deve esistere tra il sostantivo e gli altri termini della frase che si riferiscono ad esso, tra cui aggettivi, numerali, pronomi, articoli e altro.

Guarda anche: 5 professioni che si sono estinte con il progresso della tecnologia

Pluralia tantum

Pertanto, "óculos" è un sostantivo plurale maschile e "óculo" è la sua forma singolare. Tuttavia, la seconda opzione non è solitamente utilizzata dai parlanti portoghesi ed è considerata un caso di pluralia tantum. Il fenomeno consiste in parole utilizzate al plurale per indicare un unico oggetto, purché composto da due parti simmetriche.

È possibile osservare il pluralia tantum in altre parole, come "i pantaloni" e "il binocolo". In "i miei occhiali", l'errore risiede nel fatto che, erroneamente, si presume che il termine "occhiali" sia un sostantivo a due numeri, che rimarrebbe invariabile. Questo è già il caso di termini come "piattini", "matite" e "autobus".

Il fenomeno osservato nell'espressione consente di utilizzare anche il formato "un paio di", per cui è possibile dire "un paio di occhiali", "un paio di binocoli", "un paio di pantaloni" e altro ancora, a seconda del termine che si adatta al sistema.

Comunque sia, bisogna tenere presente che la lingua è in continua evoluzione, i cambiamenti e gli aggiornamenti avvengono di frequente e molti linguisti sostengono che è l'uso a fare la regola e non il contrario. Così, i grammatici sono arrivati a considerare che forse l'espressione "i miei occhiali" può diventare patrimonio dell'uso e può essere utilizzata sia in contesti colloquiali che informali.Ora, però, la versione corretta rimane "i miei occhiali".

Di seguito sono riportati altri esempi del fenomeno del pluralia tantum:

  • Belle arti;
  • Feci;
  • Nozze;
  • Occhiaie;
  • Condoglianze;
  • Polsini;
  • Finanza;
  • Buio;
  • Congratulazioni;
  • Compiti;
  • Emorroidi;
  • Solletico;
  • Apparecchi ortodontici.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.