Qual è l'origine del pepe nero?

John Brown 19-10-2023
John Brown

Il pepe nero è ufficialmente conosciuto in Brasile come pimenta-do-reino ed è uno dei prodotti naturali più utilizzati nella cucina nazionale. Tuttavia, durante il periodo coloniale veniva chiamato pepe del Portogallo. Qual è la vera origine del pepe nero?

La maggior parte dei consumatori di questa spezia non conosce la storia di un prodotto così popolare in cucina. Oltre all'uso abituale per condire i piatti, esistono diversi benefici medicinali per la salute umana, in particolare per l'apparato digerente. Scopritene di più qui sotto:

Qual è la vera origine del pepe nero?

In primo luogo, la vera origine del pepe nero, o peperoncino, è l'India sud-orientale, dove fu portato dai mercanti musulmani nella parte occidentale del globo e distribuito dai cittadini di Genova e Venezia.

Guarda anche: Scopri l'origine dei 30 cognomi più comuni in Brasile

In passato, il pepe nero era così prezioso che equivaleva a una moneta. Secondo i ricercatori, si stima che 60 kg di pepe nero equivalessero a 52 grammi d'oro.

Pregiata da sempre, questa spezia è stata apprezzata da diverse civiltà ed è anche una delle cause principali che hanno determinato l'espansione e la dominazione dell'Impero portoghese in Oriente, in quanto i portoghesi volevano controllare la coltivazione e la vendita del pepe nero.

Di norma, è un prodotto che può essere coltivato solo in paesi con climi tropicali e subtropicali; per questo motivo, in Brasile ha trovato le condizioni ideali per la coltivazione, oltre a un terreno fertile favorevole alla produzione su larga scala.

Secondo le informazioni del portale brasiliano del commercio estero (Comex do Brasil), nel 2022 il Paese si è classificato al secondo posto tra i maggiori esportatori di pepe nero a livello mondiale. In particolare, si stima che il Brasile abbia rappresentato il 15% delle vendite totali di questo prodotto, secondo solo al Vietnam.

Per soddisfare la domanda, nel 2021 la produzione annuale di pepe nero è aumentata di 31 tonnellate. L'anno scorso, la coltivazione di questa spezia ha raggiunto le 145.000 tonnellate, con un'esportazione che si è avvicinata alle 92.000 tonnellate. Tra gli Stati dell'Unione, Espírito Santo è quello con il maggior rilievo come produttore ed esportatore di pepe nero.

Il Brasile è attualmente uno dei maggiori esportatori di pepe nero. Oltre al pepe nero, vengono commercializzate altre varianti di questo prodotto, come il pepe bianco e il pepe verde.

Quali sono i benefici del pepe nero?

In primo luogo, il pepe nero è ampiamente utilizzato come condimento, ma è anche un prodotto comune nell'industria conserviera e farmaceutica. Con un sapore forte e leggermente piccante, grazie alla concentrazione di piperina, tende a rendere gli alimenti facilmente digeribili.

Oltre al sapore e all'aroma dei piatti, il pepe nero ha altri benefici per l'uomo, come favorire l'assorbimento dei nutrienti nell'apparato digerente, combattere il bruciore di stomaco e la stitichezza.

Dal punto di vista medicinale, è un potente termogenico naturale, responsabile di accelerare il metabolismo e di contribuire a bruciare calorie. Come sostanza medicinale, combatte l'accumulo e la ritenzione di liquidi, essendo un potente antibatterico. Oltre a favorire l'eliminazione dei liquidi trattenuti, distrugge anche i batteri presenti nello stomaco.

Ciononostante, gli esperti e i professionisti della salute sconsigliano il consumo di pepe nero a chi ha problemi gastrici: oltre a bruciare e pungere, questo prodotto può intensificare malattie come l'ulcera o la gastrite, ad esempio.

Guarda anche: 'Wifi', 'wifi' o 'wi fi': ecco come scriverlo correttamente

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.