Oltre il Brasile: ecco 15 paesi che parlano portoghese

John Brown 19-10-2023
John Brown

Innanzitutto, i 15 Paesi che parlano la lingua portoghese, oltre al Brasile, sono aggregati a causa della colonizzazione del Portogallo, ovvero hanno subito un processo di invasione e di dominazione a lungo termine da parte del Paese europeo. Di conseguenza, hanno acquisito una serie di costumi, tra cui la lingua.

In questo senso, la lingua portoghese in queste nazioni varia in base a un insieme di valori: poiché la colonizzazione portoghese ha imposto i costumi europei a comunità con tradizioni proprie, la lingua è stata adattata con le lingue tradizionali dei popoli nativi.

Inoltre, la successiva presenza di immigrati, come è avvenuto in Brasile, ha provocato ulteriori cambiamenti nella lingua portoghese europea, con la conseguente comparsa di accenti, dialetti e regionalità, che spiegano la differenza del portoghese brasiliano con quello lusitano.

Inoltre, è proprio questa differenziazione causata dall'adattamento culturale a creare tanti modi di comunicare con la stessa lingua. Così, la lingua portoghese parlata nel sud del Brasile non è la stessa di quella parlata nel nord-est, anche se presenta diverse somiglianze. Per saperne di più, si veda sotto:

Quali sono i 15 paesi che parlano portoghese oltre al Brasile?

La Comunità dei Paesi di Lingua Portoghese (CPLP) è un'organizzazione internazionale formata da Paesi di lingua portoghese nel mondo, che assicura l'approfondimento delle relazioni e della cooperazione tra i membri, attraverso l'unificazione causata dalla lingua.

Guarda anche: 7 film Netflix di grande ispirazione per iniziare al meglio il 2023

Istituita nel luglio 1996, è finanziata principalmente attraverso il bilancio di un Segretariato esecutivo, ma finanziata dai contributi obbligatori di ogni nazione che partecipa alla Comunità. Pertanto, i 15 paesi di lingua portoghese che sono membri della CPLP sono:

  1. Brasile, in America
  2. Angola, Africa
  3. Capo Verde, Africa
  4. Guinea-Bissau, Africa
  5. Guinea Equatoriale, Africa
  6. Mozambico, Africa
  7. São Tomé e Príncipe, Africa
  8. Timor Est, Asia, Africa
  9. Portogallo, in Europa, in Africa

Oltre a questi paesi, esistono altri luoghi in cui si parla la lingua portoghese, ma non è la lingua ufficiale, in quanto si tratta di nazioni che hanno subito la colonizzazione portoghese o che hanno vicinanze culturali con le regioni che utilizzano questa lingua: sono:

  1. Macao, Cina;
  2. Daman e Diu nell'Unione dell'India;
  3. Goa, India;
  4. Malacca, Malesia;
  5. Isola di Flores, Indonesia/
  6. Batticaloa, Sri Lanka;
  7. Isole ABC nei Caraibi;
  8. Uruguay;
  9. Venezuela;
  10. Paraguay;
  11. Guyana;

Qual è l'origine della lingua portoghese?

Secondo la definizione, la lingua portoghese è una lingua romanza indoeuropea, inflessa e occidentalizzata, nata dal galiziano-portoghese, una lingua parlata specificamente nel Regno di Galizia e anche nel nord del Portogallo.

Tuttavia, la creazione del Regno del Portogallo nel 1130 e la conseguente espansione verso sud dopo il periodo della Reconquista hanno provocato la diffusione della lingua. Così, le terre conquistate hanno iniziato ad adottare la lingua portoghese come risultato del dominio imperiale nel corso dei secoli.

Guarda anche: Imparare come si comportano i Segni quando dicono una bugia

A partire dal periodo delle Grandi Navigazioni, tra il XV secolo e l'inizio del XVII secolo, la lingua portoghese si diffuse ancora di più nel mondo, soprattutto nelle nazioni dell'America e dell'Africa. Oltre al suo utilizzo nelle regioni invase dagli europei, diversi governanti locali iniziarono ad adottare la lingua per dialogare con gli altri capi colonizzatori.

Per questo motivo, si stima che la lingua portoghese abbia influenzato anche altre lingue, sia in Asia che in altre parti del Sudamerica. Nonostante ciò, si stima che solo il Brasile e il Portogallo abbiano il portoghese come lingua principale, anche se le regioni citate hanno questa lingua come lingua ufficiale.

Oggi la lingua portoghese conta circa 250 milioni di madrelingua ed è una delle lingue ufficiali dell'Unione Europea, del Mercosur, dell'Unione delle Nazioni Sudamericane e di altre importanti organizzazioni internazionali.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.