Nuovo continente: perché l'Africa si sta dividendo in due

John Brown 19-10-2023
John Brown

Tra tutti i processi geologici in corso, uno dei più noti si sta verificando in Africa, dove una gigantesca spaccatura sotterranea divide il continente in due parti, dando origine a un "nuovo continente". La cosiddetta Great Rift Valley in Africa è la più grande spaccatura continentale del pianeta e sta deformando la Terra.

I geologi non capiscono bene perché questo avvenga, dato che non si comporta come qualsiasi altra crepa del mondo. Tuttavia, un recente studio del Dipartimento di Geoscienze del Virginia Tech sembra aver trovato una spiegazione.

Gli studi spiegano l'emergere di un "nuovo continente" in Africa

La Great Rift Valley, situata in Africa orientale, è un'impressionante frattura geologica che si estende per migliaia di chilometri da nord a sud. A differenza di altre fratture, in questa regione la deformazione avviene perpendicolarmente e parallelamente al movimento delle placche tettoniche.

Le placche tettoniche sono enormi blocchi di crosta terrestre che si muovono lentamente nel tempo. Questi movimenti possono dar luogo a interazioni complesse, causando terremoti, formazione di montagne e persino l'apertura di grandi fessure, come nel caso della Rift Valley.

Quando le placche si allontanano, la crosta terrestre si allunga e si rompe, creando un sistema di fratture lungo la valle. Queste faglie permettono alle placche di muoversi e, di conseguenza, alla regione di verificarsi frequenti terremoti.

Guarda anche: Questi 5 segni sono ossessionati dalla pulizia; verificate se il vostro è uno di essi

Oltre ai terremoti, la Great Rift Valley è caratterizzata da vulcani, laghi e paesaggi impressionanti. L'attività vulcanica è comune in questa regione a causa della presenza di punti caldi e dell'indebolimento della crosta terrestre.

Guarda anche: Quali sono le auto più rare del Brasile? Scoprite la classifica delle 15 più rare.

Super pennacchio africano

I geologi spiegano che questa deformazione unica nel suo genere suggerisce che la placca viene tirata in più direzioni contemporaneamente, cosa insolita in altre aree della superficie terrestre. È stato anche sottolineato che questa modifica è il risultato dell'attività di una corrente di calore chiamata "African Super Plume".

Questa corrente di calore ha origine in profondità, riscaldando la superficie della Terra, ed è costituita da una massa di mantello caldo che si estende da sud-ovest a nord-est del continente africano.

Lungo il suo percorso, questa massa di mantello parzialmente fusa diventa meno profonda e permette al mantello sottostante di muoversi. È proprio questo flusso a causare l'anomala deformazione parallela verso nord nella Great Rift Valley.

Queste scoperte sono state fatte da un team di scienziati del Virginia Tech, che ha utilizzato la modellazione 3D per comprendere meglio la formazione e l'evoluzione della Rift Valley.

Come è stata scoperta la spaccatura?

I ricercatori ritengono che questa divisione sia iniziata qualche anno fa e, secondo gli studi, tra circa cinque milioni di anni l'Africa sarà divisa in due continenti distinti.

La prima scoperta risale al 2005, dopo l'eruzione del vulcano Dabbahu, che in soli cinque giorni ha aperto una grande faglia. Da allora, lungo la Great Rift Valley sono comparse numerose altre faglie, che secondo gli scienziati porteranno alla formazione di un nuovo oceano.

Nel 2019 in Kenya è apparsa un'enorme fessura che ha tagliato una valle e interrotto un'importante strada della regione. Questa fessura è uno dei tanti punti deboli lungo l'area.

Nella regione è in corso un processo di divergenza delle placche tettoniche, che in futuro porterà alla divisione del continente in due parti. Questa divisione è il risultato dell'attività geologica lungo la Great Rift Valley, una complessa formazione di faglie tettoniche che si estende per oltre 6.000 km da nord a sud, dal Corno d'Africa al Mozambico.

Sebbene il processo di scissione sia lento e avvenga su una scala di tempo geologica, è un esempio affascinante della dinamica terrestre. La comprensione di questi fenomeni geologici può aiutarci a capire meglio l'evoluzione del nostro pianeta e le forze che modellano la sua superficie nel tempo.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.