Vieni, vieni o vieni: qual è la differenza, i significati e quando usarlo

John Brown 19-10-2023
John Brown

Ci sono parole così simili tra loro che è praticamente impossibile evitare di confondersi quando le si usa. Nella lingua portoghese, l'elenco infinito di termini simili crea nodi nel cervello di tutti e, a causa della sua complessità e del numero di regole, eccezioni e dettagli, sbagliare è più comune di quanto si possa pensare. Parole come vem, vem o veem, ad esempio, possono addiritturasono simili, ma non sono la stessa cosa.

Ma come si fa a distinguerli e come si usano in una frase? Termini come vem e vem possono anche avere la stessa pronuncia, ma se confusi in una frase possono renderla grammaticalmente scorretta. Lo stesso vale per veem, soprattutto per quanto riguarda la sua vecchia accentuazione.

Per evitare questo tipo di problemi, oggi scoprirete le differenze tra vem, come e veem, e come usare ciascuno di essi in una frase.

Vieni, vieni e vieni: differenza, significati e quando usarli

Queste tre parole hanno lo stesso suono, ma il loro uso non può avvenire in modo indiscriminato o arbitrario. Comprendere la formazione di ciascuna di esse è essenziale per evitare incidenti con il significato o l'accordo verbale. Vale la pena ricordare che il verbo deve sempre concordare con il soggetto, in base alla norma standard della lingua.

Quando utilizzare viene

La parola "vem" è la coniugazione singolare di terza persona del verbo "vir", cioè si usa per lui o lei, soggetti al singolare:

Guarda anche: Come faccio a sapere se il mio WhatsApp è spiato? Vedi 5 segnali
  • Juliana viene sempre al lavoro in auto.
  • Suo padre viene a prenderla ogni giorno alle sei in punto.
  • Vostro figlio ha mostrato un comportamento preoccupante in classe.

Quando usare come

Come il termine precedente, "vêm" è una coniugazione del verbo "vir", ma alla terza persona plurale, cioè obbedendo ai soggetti essi e loro. In base all'accordo ortografico del 2009, è stato tolto l'accento alle parole inflesse che terminano in -eem, ma quelle che terminano in -em hanno mantenuto l'accento. Ciò significa che i verbi coniugati alla terza persona plurale del tempo presentemantenere il segno di accento, vedi esempi:

  • Gli studenti hanno lavorato duramente per ottenere buoni voti e passare senza bocciature l'ultimo semestre.
  • Corrono a vedervi ogni volta che vi affacciate alla finestra.
  • Le ragazze vengono all'allenamento di pallavolo insieme ogni giorno.

Controllate anche la coniugazione del verbo vir nel tempo presente:

Guarda anche: Iscrizione Caixa Tem: scopri come confermare il tuo numero di telefono cellulare
  • Vengo;
  • Stai arrivando;
  • Arriva;
  • Abbiamo visto;
  • Siete arrivati;
  • Vengono.

Quando utilizzare vedere

A differenza delle altre due parole, veem, scritta con la ripetizione della lettera "e", non è legata al verbo "vir", ma piuttosto al verbo "ver", più precisamente come terza persona plurale del tempo presente. Come già riportato, a partire dall'accordo ortografico del 2009, è stato eliminato l'accento delle parole inflesse che terminano in -eem.

La parola vêem, quindi, non esiste più ed è grammaticalmente scorretta. Vediamo alcuni esempi della versione corretta:

  • Mia madre e mio padre vedono molto male, ma nessuno dei due vuole andare dall'ottico.
  • Vedono i loro cugini come persone inferiori a causa del loro status finanziario.
  • I miei amici vedono mia madre quasi ogni giorno, quando mi viene a prendere a scuola.

Per aiutarvi a imparare la coniugazione del verbo, date un'occhiata alla lista di "ver" al tempo presente qui sotto:

  • Capisco;
  • Vedete;
  • Vede;
  • Vediamo;
  • Vedete;
  • Vedono.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.