Scopri 4 fobie rare che esistono al mondo

John Brown 19-10-2023
John Brown

Se si pronuncia la parola claustrofobia, è molto difficile che chi ci circonda non sappia a cosa si riferisce questo termine. Inoltre, altre fobie note alla maggior parte delle persone sono l'aracnofobia e la fobia sociale.

Guarda anche: Lotterie: scopri i numeri fortunati per ogni segno

Il fatto è che, lungi dall'essere le uniche fobie, sappiamo che ce ne possono essere quasi tante quante sono le persone al mondo. Questo perché il nostro cervello ha la capacità di creare paura di fronte agli oggetti o alle situazioni più inaspettate. In questo articolo, quindi, elencheremo le fobie più rare mai conosciute.

Che cos'è una fobia?

La fobia è una condizione che può compromettere seriamente la salute della persona che ne soffre, caratterizzata dal provare una paura irrazionale, intensa e incontrollata di cose o situazioni più o meno specifiche.

Esistono diversi tipi di fobie, alcune più comuni e altre meno diffuse tra la popolazione, ma tutte meritano di essere trattate con un approccio di salute mentale.

Inoltre, si stima che circa il 20% della popolazione mondiale soffra di una qualche forma di fobia, secondo i dati del National Institute of Health americano.

A causa di questa incidenza, è importante sapere quali sono i più rari, per poterli identificare e fornire loro il trattamento corretto. Scopriteli qui di seguito:

Vedere 4 fobie rare che esistono al mondo

1. sonnifobia

Si tratta di una fobia rara e molto fastidiosa: stiamo parlando di una paura profonda e irrazionale di addormentarsi e delle conseguenze che il soggetto ritiene di poter subire se lo fa.

Le persone che soffrono di sonnifobia hanno idee fantasiose su ciò che accadrà loro se si addormentano, temendo di non potersi più svegliare, il che provoca stati d'ansia molto elevati al solo pensiero.

In effetti, questo tipo di fobia influisce in modo significativo sulla vita del paziente, perché oltre a convivere con persistenti idee ossessive sul sonno, la sua mancanza ha un impatto negativo su molte altre aree della sua vita (abitudini alimentari, relazioni sociali, problemi di lavoro, ecc.)

2. emetofobia

Questa fobia si riferisce alla paura o all'ansia intensa di vomitare o che altre persone lo facciano. Le persone che soffrono di questo tipo di fobia temono qualcosa di più di un semplice disgusto o rifiuto del vomito.

Pertanto, sviluppano uno stile di vita incentrato sul non vomitare e sull'evitare, per quanto possibile, che qualcuno vomiti vicino a loro a causa del panico che provoca.

Questo tipo di fobia influisce negativamente sulla vita dell'individuo che può, ad esempio, stabilire modelli alimentari molto controproducenti per evitare la nausea e per la convinzione che ciò possa portare al vomito.

È anche comune che le donne evitino la gravidanza perché, come sappiamo, questa è solitamente associata a un periodo di nausea e vomito. Non esistono cause specifiche per lo sviluppo di questa rara fobia, ma si ritiene che possa essere legata a un evento traumatico legato al vomito nell'infanzia.

3. crematofobia

In questo caso, il termine "crematofobia" si riferisce alla paura del denaro, una paura che sicuramente attira l'attenzione di molti che conoscono questa fobia. Rapporti complicati con il capitale economico (ricevere salari bassi, subire molestie sul posto di lavoro, ecc.) possono portare alcune persone a stabilire un rapporto fobico con il denaro.

Per queste persone, fare anche il più semplice degli acquisti implica alti livelli di ansia. Inoltre, la condizione è correlata a continui stati di stress e depressione, mancanza di sonno, sintomi fisici, tra gli altri.

4. ciberfobia

Infine, questa fobia è spesso avvertita dalle persone anziane che hanno difficoltà ad adattarsi all'uso di nuove tecnologie come computer, tablet o smartphone.

La sola possibilità di stare davanti a un computer o a un cellulare può quindi scatenare ansia, angoscia e paura. Ci sono addirittura persone che hanno questa fobia così sviluppata da soffrire di attacchi di panico e iperventilazione quando sono costrette a usare la tecnologia.

Guarda anche: 21 professioni che non richiedono esperienza per chi inizia

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.