Legge di Murphy: capire cos'è e come è nata questa teoria

John Brown 19-10-2023
John Brown

"Tutto ciò che può andare storto, andrà storto": questa affermazione viene spesso utilizzata per descrivere ciò che non va come previsto o previsto, ed è un sentimento con cui molti di noi possono confrontarsi. In effetti, è proprio questo il senso della Legge di Murphy.

La teoria prende il nome dal suo ideatore, Edward A. Murphy Jr. che negli anni '40 conduceva esperimenti sui razzi per l'aeronautica militare statunitense. Scoprite cosa significa e cosa propone qui di seguito.

Qual è l'origine della Legge di Murphy?

Il concetto di Legge di Murphy risale alla metà del XX secolo e affonda le sue radici nell'ingegneria e nell'aviazione. La storia racconta che nel 1949 il capitano Edward A. Murphy Jr, un ingegnere che lavorava a un progetto per l'Aeronautica Militare degli Stati Uniti, si sentì frustrato dagli errori commessi dalla sua squadra.

Si presume che abbia detto: "Se c'è qualcosa che ha la più remota possibilità di andare storto, sicuramente lo farà". Questo sentimento è stato poi riassunto e trasformato nella frase più nota che usiamo oggi: "Se qualcosa può andare storto, lo farà".

Secondo un'altra versione della storia, Murphy stava testando la resistenza umana alle forze G durante la decelerazione rapida. Per i test fu utilizzato un razzo su rotaie con una serie di freni a un'estremità.

L'ingegnere, che era a capo dell'esperimento, incolpò il suo assistente - che aveva collegato tutti i fili ai sensori che davano una lettura sbagliata - e gli disse con arroganza: "Se hai un modo per sbagliare, lo farai sicuramente".

Indipendentemente dalla versione dei fatti, il senso della Legge di Murphy è chiaro: si tratta di un avvertimento sui pericoli legati alla presunzione che tutto vada secondo i piani e sulla necessità di prepararsi allo scenario peggiore.

Guarda anche: 5 segni che l'amore, purtroppo, è arrivato alla fine e non si può tornare indietro

Cosa dice questa teoria?

La Legge di Murphy è un'affermazione sull'inevitabilità dei problemi e dei contrattempi e ricorda che, per quanto si possa pianificare e preparare con cura, le cose possono sempre andare storte.

Tuttavia, è anche un invito all'azione: riconoscendo che le cose possono andare male, possiamo adottare misure per ridurre i rischi e prepararci all'imprevisto.

Per certi versi, la Legge di Murphy è simile al concetto di gestione del rischio: entrambi prevedono l'identificazione di potenziali problemi e l'adozione di misure per ridurne al minimo l'impatto. Tuttavia, la teoria di Edward è un po' più fatalista e suggerisce che i problemi non sono solo possibili, ma anche probabili.

Guarda anche: Una rara banconota da 5 R$ può valere fino a 2.000 R$: scopri come identificarla

5 esempi di Legge di Murphy

La Legge di Murphy è un'idea che può essere applicata in una varietà di situazioni e contesti, ma abbiamo elencato cinque esempi comuni che illustrano il principio:

  • Quando si ha più bisogno di qualcosa è quando non la si trova: ad esempio, quando si è in ritardo per una riunione importante e non si trovano le chiavi della macchina.
  • Se si fa cadere un pezzo di pane con del burro, questo cadrà sempre con la parte del burro rivolta verso il basso: questo può essere frustrante quando si cerca di mangiare qualcosa velocemente prima di uscire di casa.
  • Il traffico peggiora sempre quando si ha fretta: in questo senso, si può uscire di casa con largo anticipo per evitare il traffico, ma quando si ha un appuntamento importante, il traffico sembra diventare più lento che mai.
  • Quando si programma una riunione, qualcosa va sempre storto: ad esempio, il cliente può dimenticare l'ora o il luogo della riunione, oppure il sistema di videoconferenza può guastarsi.
  • Se non hai l'ombrello, pioverà: questo esempio può sembrare un po' fatalista, ma molte persone hanno provato la sensazione di essere sorprese da una pioggia inaspettata quando escono di casa senza ombrello.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.