6 lingue più antiche del mondo che sono ancora parlate in alcuni paesi

John Brown 23-10-2023
John Brown

La comunicazione è una parte fondamentale della storia dell'uomo. Già nelle prime testimonianze di vita intelligente sulla Terra, gli individui usavano gesti, disegni e grugniti per comunicare. Con il tempo, questo si è evoluto in linguaggio. Oggi, tuttavia, alcune delle lingue più antiche del mondo sono ancora in uso.

Naturalmente, il numero di parlanti di queste lingue diminuisce di anno in anno, poiché studiarle può diventare un compito difficile a causa della mancanza di strumenti per farlo. Alcune lingue hanno solo documenti scritti, che occupano fogli fragili o addirittura scolpiti su pietre di valore inestimabile.

A differenza di molte altre, queste lingue non sono nemmeno di dominio comune, parzialmente dimenticate nel corso dell'evoluzione della civiltà. La loro storia, tuttavia, è così preziosa che c'è ancora chi si dedica alla loro padronanza.

Per capirne di più, oggi analizzeremo alcune delle lingue più antiche del mondo, che sono ancora parlate in alcuni Paesi.

Le 6 lingue più antiche del mondo ancora parlate

1. Ebraico

Un tempo molto popolare, l'ebraico ha cessato di essere usato nella vita quotidiana intorno al 400 d.C., ma è stato conservato nella liturgia degli ebrei di tutto il mondo. Con l'ascesa del sionismo nel corso del XIX e XX secolo, tuttavia, la lingua è stata ripresa, diventando poi la lingua ufficiale dello Stato di Israele.

Anche se esiste una versione moderna, i madrelingua di questa lingua sono in grado di comprendere, ad esempio, l'Antico Testamento e i testi che lo accompagnano. Oggi l'ebraico moderno è influenzato da altre lingue ebraiche, come lo yiddish.

2. basco

Questa lingua è ancora parlata da alcuni nativi baschi in alcune regioni della Spagna e della Francia, ma è estremamente diversa dalle altre lingue romanze, come il francese e lo spagnolo, o da qualsiasi altra lingua del mondo.

Da decenni gli studiosi cercano di collegare il basco ad altre lingue che sembrerebbero vicine, ma nessuna teoria ha una spiegazione convincente. Quel poco che si sa è che esisteva prima della comparsa delle lingue romanze, cioè prima ancora del latino.

Guarda anche: Oltre Brasilia: ecco 5 città progettate in Brasile

3. farsi

Il farsi, decisamente più popolare, è ancora largamente utilizzato dagli abitanti dell'Afghanistan, dell'Iran e del Tagikistan. Tecnicamente, la lingua persiana è la stessa del farsi, solo con un nome diverso.

Guarda anche: I segni possono cambiare? Scoprite cosa dice l'astrologia

Questa lingua discende direttamente dall'antico persiano, la lingua dell'impero persiano. La versione moderna ha preso forma intorno all'800 d.C. e, a differenza delle lingue odierne, non è cambiata quasi per nulla da allora.

Ciò significa che un persiano potrebbe leggere qualcosa scritto nel 900 d.C. più facilmente di un inglese che legge un'opera originale di Shakespeare.

4. Gaelico irlandese

Sono pochissime le persone che parlano ancora il gaelico irlandese nel mondo, e il numero si concentra nelle popolazioni irlandesi. La sua storia, tuttavia, è enorme: la lingua fa parte del gruppo celtico delle lingue indoeuropee, ed esisteva nelle isole della Gran Bretagna molto prima del germanico.

Dal gaelico sono nati il gaelico scozzese e il manese dell'Isola di Man. La loro letteratura vernacolare è più antica di qualsiasi altra dell'Europa occidentale. A differenza del resto del continente, che scriveva in latino, gli irlandesi hanno inventato una propria lingua per scrivere e parlare.

5 georgiano

Come molti altri misteri, la regione del Caucaso è ancora fonte di curiosità per molti linguisti, che sono in missione per svelare le lingue più difficili del mondo. Nei tre Paesi del Caucaso meridionale, Armenia, Azerbaigian e Georgia, si parlano lingue indoeuropee, turche e cartaginesi.

Il georgiano, invece, è la più grande lingua cartaginese e l'unica della regione con un alfabeto più antico. Oltre a essere molto bello, è anche estremamente antico, presumibilmente adattato dall'aramaico intorno al III secolo a.C..

6. tamil

Il tamil è parlato da 78 milioni di persone nel mondo, è la lingua ufficiale di paesi come Singapore e Sri Lanka ed è l'unica lingua classica sopravvissuta nel mondo moderno.

Appartenente alla famiglia delle lingue dravidiche, che comprende alcune lingue native dell'India sud-occidentale e nord-orientale, il tamil è riconosciuto come sistema ufficiale dello stato indiano del Tamil Nadu. Alcuni ricercatori hanno trovato scritti in questa lingua che risalgono al III secolo a.C.

A differenza del sanscrito, una lingua indiana che ha cessato di essere utilizzata dopo il 600 d.C., il tamil si sta ancora sviluppando ed è oggi la ventesima lingua comune più parlata del pianeta.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.