Conoscete l'origine della parola Carnevale? Scopritene il significato

John Brown 24-10-2023
John Brown

Le celebrazioni del Carnevale sono associate a Momo, la divinità greca dello scherno, del sarcasmo, dell'ironia e della critica, che intratteneva gli altri dei dell'Olimpo e a cui sono dedicate queste celebrazioni.

A poco a poco, e per tutto il Medioevo, la festa si diffuse in Europa occidentale e, sebbene all'inizio fosse considerata peccaminosa e fosse messa in ombra fino a perdere il suo significato magico, fu comunque assimilata da vari popoli del Nord Africa.

Solo nel Rinascimento ha riacquistato grande rilevanza e notorietà, soprattutto in città come Roma e Venezia, con i loro famosi balli in maschera. Continuate a leggere per capire l'origine del Carnevale e il significato della parola.

Qual è l'origine del Carnevale?

Sull'origine pagana di questa festività c'è un forte consenso tra gli storici, la cui versione spiega che si trattava di una festa che si svolgeva in inverno e che risale a 5.000 anni fa.

Guarda anche: Quali sono le 10 canzoni più tristi di tutti i tempi? Guarda la classifica

Questa tradizione promossa dai Sumeri e dagli Egizi consisteva in una sorta di rituale presso un grande falò per adorare le loro divinità e chiedere loro di scacciare gli spiriti maligni dai raccolti. Si trattava di feste in cui si verificavano eccessi di ogni tipo.

Nel corso degli anni, i Greci adottarono questa festa, così come i Romani; in quest'ultimo caso, alcuni collegano l'origine del Carnevale ai Saturnalia (una grande festa che ha poi portato alle celebrazioni del Natale), mentre altri lo collegano ai Lupercalia (una festa simile ai Saturnalia, ma celebrata in occasione di San Valentino).

In un contesto di grandi feste gastronomiche, enorme consumo di alcol e persino eccessi sessuali, gli storici sottolineano la comparsa delle maschere, elemento caratteristico del Carnevale. In queste feste, uno degli obiettivi era mantenere l'anonimato, in modo che nessuno sapesse esattamente chi stava commettendo certi eccessi.

In seguito, con la diffusione del cristianesimo, vennero evangelizzate alcune feste di origine pagana, tra cui il Carnevale, che la religione cristiana ha modulato e adattato.

Infatti, la nuova veste della festa proponeva di approfittare degli ultimi tre giorni prima dell'inizio della Quaresima, un periodo di 40 giorni di penitenza fino alla Domenica delle Palme e anche di digiuno.

Che cosa significa la parola Carnevale?

La parola Carnevale deriva dal latino carne levare, che significa rinunciare alla carne, e dal termine italiano Carnevale, che significa letteralmente addio alla carne. Queste etimologie si riferiscono all'astinenza dalla carne e dal sesso imposta dalla Quaresima.

Guarda anche: 7 colori che rasserenano l'umore con cui dipingere le pareti della vostra casa

Pertanto, come già detto, prima di iniziare questa fase del calendario liturgico, la festa, l'allegria, l'ironia, la magia e il colore precedono il tempo del digiuno dai piaceri corporei per concentrarsi sulla purificazione dello spirito.

In Brasile, ad esempio, la festa dura quasi una settimana, dal venerdì al mercoledì delle ceneri. Le date cambiano ogni anno, poiché anche i giorni in cui si celebra la Settimana Santa sono diversi. Infine, vale la pena ricordare che il Carnevale non è un giorno festivo, per cui le ferie dei lavoratori dipendono dalla contrattazione o dalla decisione delle aziende.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.