Prima di Brasilia: scopri le città che un tempo erano capitali del Brasile

John Brown 19-10-2023
John Brown

Brasilia è attualmente la capitale del Brasile, ma non lo è sempre stata: la capitale è stata occupata da altre due città in diverse regioni del Brasile. La prima ad essere capitale è stata Salvador, a cui è succeduta Rio de Janeiro.

All'inizio del XVI secolo, il Brasile era una colonia del Portogallo e la regione del Nord-Est era un luogo molto prospero, importante per lo sviluppo economico del Paese, tanto che Salvador fu capitale tra il 1549 e il 1763.

Rio de Janeiro ha poi ricoperto la carica tra il 1763 e il 1960, per poi passare a Brasilia il 21 aprile 1960. Un fatto curioso, tuttavia, è stata la breve nomina di Curitiba a capitale del Brasile tra il 24 e il 27 marzo 1969.

Prima di Brasilia: le capitali del Brasile

La prima capitale del Brasile è stata Salvador, tra il 1549 e il 1763, seguita da Rio de Janeiro, tra il 1763 e il 1960, e l'ultima capitale del Brasile è Brasilia, inaugurata il 21 aprile 1960.

Salvador

Tra il 1534 e il 1549, il Brasile utilizzò il sistema delle Capitanerie ereditarie, strisce di terra guidate da nobili di fiducia del re João III. Il sistema non funzionò e, in seguito alla mancanza di investimenti e agli attacchi degli indigeni, le Capitanerie terminarono e il territorio fu riorganizzato nel Governo Generale.

È qui che Salvador divenne la prima capitale del Brasile, nel 1549 fino al 1763. Nel XVI secolo la regione del Nordest era molto prospera e importante per lo sviluppo economico del Brasile. In questo senso, Salvador era una città molto sviluppata, soprattutto grazie alla sua posizione strategica per il commercio dello zucchero e l'estrazione del legno del Brasile.

Guarda anche: Scoprite il VERO significato di 19 famose espressioni latine

Rio de Janeiro

Nel XVIII secolo la Corona portoghese trovò l'oro a Minas Gerais e lo zucchero di Bahia non era più così prezioso come un tempo. L'apice dell'estrazione dell'oro portò alla necessità di trasferire la capitale vicino al nuovo bene disponibile.

In questo senso, i portoghesi scelsero Rio de Janeiro soprattutto per la sua vicinanza a Minas Gerais e perché era una regione costiera, più accessibile e strategica per il flusso di persone e merci.

Guarda anche: Perfette per viaggiare: 9 auto economiche con un bagagliaio spazioso

Rio de Janeiro fu scelta come capitale anche perché, oltre a essere più vicina alle attività minerarie, era un luogo ambito dalla Corona spagnola.

Brasilia

L'ultima e attuale capitale del Paese è il frutto del sogno di Juscelino Kubitschek, che iniziò la costruzione della nuova capitale nel 1956. Inaugurata il 21 aprile 1960, Brasilia è un progetto di Oscar Niemeyer e Lúcio Costa, costruito nell'Altopiano Centrale, in un luogo precedentemente sognato da Padre Don Bosco.

Fin dal Brasile coloniale, la Corona aveva parlato di spostare la capitale del Paese verso l'interno del Brasile. Il primo a proporre questa soluzione, nel 1761, sarebbe stato il marchese di Pombal, un ministro portoghese. Intorno al 1823, anche lo statista e poeta José Bonifácio fu un'altra importante figura a suggerire di spostare la capitale verso l'interno.

L'idea consisteva fondamentalmente nel popolare l'interno del Paese, in quanto regione strategica e più protetta, mentre la costa brasiliana poteva essere un luogo più vulnerabile, in base ai movimenti delle nazioni che ambivano a determinate parti del territorio brasiliano.

In questo senso, Brasilia fu costruita unicamente per essere la capitale del Paese e per ospitare i Tre Poteri. La regione del Centro-Ovest era un importante punto di distribuzione per il Brasile e la nuova città doveva offrire maggiore sicurezza e protezione ai poteri politici repubblicani.

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.