Qual è l'origine dell'espressione OK? Vedi il significato

John Brown 19-10-2023
John Brown

L'espressione "okay" è nata nel 1839 da una barzelletta. Oggi è la parola più scritta e digitata al mondo e fa parte del vocabolario di molte persone in tutto il mondo. La parola è considerata da molti la migliore invenzione della lingua inglese e si è già affermata come opzione linguistica.

Gli esperti americani che studiano l'espressione la considerano spesso molto insolita, e le parole insolite non fanno di solito parte del vocabolario della gente. Questi studiosi individuano spesso una serie di coincidenze che hanno permesso all'espressione "ok" di raggiungere una tale popolarità.

Come ogni termine che nasce senza alcuna pretesa, l'origine della parola è circondata da curiosità intorno alla sua storia. Seguite il testo qui sotto per saperne di più sull'origine dell'espressione "ok".

Origine dell'espressione OK

La parola più pronunciata e digitata del pianeta è nata per scherzo: nel 1839, un giornale di Boston coniò l'espressione "okay", che significava "tutto bene". Oggi, la sua improbabile origine, così come la traiettoria e l'importanza che l'espressione ha raggiunto nel tempo, sono oggetto di diverse ricerche accademiche.

Guarda anche: 7 segnali che una persona dà quando nasconde di essersi innamorata di voi

I linguisti americani sostengono che si tratti dell'invenzione più sensazionale della lingua inglese e che il suo successo sia un evento curioso e difficile da spiegare appieno. Fatto sta che la battuta è diventata popolare e oggi l'espressione è conosciuta e pronunciata in tutto il mondo.

La storia dietro l'espressione

La storia in sé riguarda la pubblicazione della parola "O.K" in un giornale di Boston nel 1839. Il giornale trasformava le espressioni in acronimi e nel numero del 23 marzo 1839 apparve per la prima volta il termine: "o.k - all correct".

Questo scherzo prevedeva di scambiare le prime lettere di "tutto corretto" in base al loro suono, qualcosa che pronunciato assomigliasse al suono della "o" e della "k", formando l'espressione "ok" come è conosciuta da sempre.

La storia è provata da diversi studiosi nordamericani e, nel corso dei 170 anni in cui l'espressione è stata utilizzata, la ricerca ha pubblicato altre versioni della comparsa del termine con la sua funzionalità linguistica distorta.

Curiosità sull'origine dell'espressione OK

Le versioni alternative create sull'origine dell'espressione "ok" comportano molta immaginazione e casi curiosi, che suscitano l'attenzione delle persone, le quali arrivano a credere nella veridicità di fatti che per la maggior parte non esistono.

Una delle versioni alternative dice che l'espressione è nata nel XIX secolo a Boston. Invece di usare le lettere AC, che sarebbero state confuse come abbreviazione di "corrente alternata", si è scelto di usare le lettere "OK", per riferirsi a "oll korrect", un gergo molto usato e con lo stesso significato.

Alcuni sostengono che l'acronimo sia emerso anche durante la guerra di secessione americana, svoltasi tra il 1861 e il 1865. All'epoca era molto comune che le persone esponessero sulle loro facciate l'espressione "ok", che significa "zero uccisi", o "zero morti" in portoghese.

Guarda anche: 9 lavori ben pagati che non richiedono un diploma di scuola superiore

La storia del termine riguarderebbe anche gli americani del XVIII secolo che tentarono di imitare la pronuncia francese di un rum dell'epoca, noto come Aux Cayes. In altri casi la parola "ok" è anche un'abbreviazione del volgare inglese "oll korrect".

John Brown

Jeremy Cruz è uno scrittore appassionato e un avido viaggiatore che ha un profondo interesse per le competizioni in Brasile. Con un background nel giornalismo, ha sviluppato un occhio attento per scoprire gemme nascoste sotto forma di concorsi unici in tutto il paese. Il blog di Jeremy, Concorsi in Brasile, funge da hub per tutto ciò che riguarda vari concorsi ed eventi che si svolgono in Brasile.Alimentato dal suo amore per il Brasile e la sua vibrante cultura, Jeremy mira a far luce sulla vasta gamma di competizioni che spesso passano inosservate al grande pubblico. Da esilaranti tornei sportivi a sfide accademiche, Jeremy copre tutto, fornendo ai suoi lettori uno sguardo penetrante e completo nel mondo delle competizioni brasiliane.Inoltre, il profondo apprezzamento di Jeremy per l'impatto positivo che le competizioni possono avere sulla società lo spinge a esplorare i benefici sociali che derivano da questi eventi. Mettendo in evidenza le storie di individui e organizzazioni che fanno la differenza attraverso le competizioni, Jeremy mira a ispirare i suoi lettori a mettersi in gioco e contribuire a costruire un Brasile più forte e inclusivo.Quando non è impegnato a fare scouting per la prossima competizione o a scrivere post coinvolgenti sul blog, Jeremy si immerge nella cultura brasiliana, esplora i pittoreschi paesaggi del paese e assapora i sapori della cucina brasiliana. Con la sua personalità vibrante ededicato a condividere il meglio delle competizioni brasiliane, Jeremy Cruz è una fonte affidabile di ispirazione e informazioni per coloro che cercano di scoprire lo spirito competitivo che fiorisce in Brasile.